Lectio Divina di lunedì 9 dicembre 2019

Dal vangelo secondo Matteo (11, 2-11)

In quel tempo, 2Giovanni, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo, per mezzo dei suoi discepoli mandò 3a dirgli: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». 4Gesù rispose loro: «Andate e riferite a Giovanni ciò che udite e vedete: 5i ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciato il Vangelo. 6E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!».

7Mentre quelli se ne andavano, Gesù si mise a parlare di Giovanni alle folle: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? 8Allora, che cosa siete andati a vedere? Un uomo vestito con abiti di lusso? Ecco, quelli che vestono abiti di lusso stanno nei palazzi dei re! 9Ebbene, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, io vi dico, anzi, più che un profeta. 10Egli è colui del quale sta scritto:

Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero,
davanti a te egli preparerà la tua via.

11In verità io vi dico: fra i nati da donna non è sorto alcuno più grande di Giovanni il Battista; ma il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui.

Il brano ci presenta la grande figura di Giovanni Battista. Notiamo il coraggio del Precursore di affidare a Gesù la propria fede nell’ora del buio, del dubbio e della prova.

Giovanni si trova in carcere dove è stato rinchiuso da Erode, un potente di questo mondo che non sopporta le critiche rivoltegli dal profeta circa il legame illecito con Erodiade, moglie di suo fratello.

Giovanni, l’uomo della Parola autorevole, è ridotto ormai al silenzio e si avvia verso la morte violenta.

In questa situazione di fede attraversata dal dubbio, Giovanni manda i suoi discepoli a rivolgere a Gesù una domanda drammatica con la quale mette in discussione tutta la sua vita:

sei tu colui che deve venire, o dobbiamo aspettare un altro “?

Gesù manda a dire a Giovanni “riferite a Giovanni ciò che udite e vedete: i ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciato il Vangelo”. Gesù dunque espone a Giovanni Battista il suo programma, e lo trae da citazioni profetiche, come dire: ecco le antiche profezie sono giunte a compimento.

La novità che troviamo nel testo, è che Gesù aggiunge: “ai poveri è annunciato il Vangelo”, cosa che non troviamo nelle antiche profezie.

Tutto questo, cioè il rimando ai “poveri”, è la narrazione definitiva dell’amore di Dio per gli uomini. Non è un miracolo, e tuttavia è forse il segno più specifico e decisivo, tanto è vero che è stato scelto come inizio del “discorso della montagna“.

Ad ogni modo, è il segno che imprime una direzione ben definita a tutti gli altri, ponendoli a servizio di una concezione messianica sulla quale non tutti sono d’accordo.

Ecco perché Gesù aggiunge: “E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo”, e il Battista dal carcere risponde con un amen silenzioso ma pieno di amore per Gesù.

Giovanni Battista non si aspettava un Messia così… ma lascia il suo criterio di attesa per affidarsi a Gesù.

Mentre Giovanni Battista esce di scena, Gesù presenta alle folle l’identità del Battista, e qui abbiamo la seconda parte del brano, non una canna sbattuta dal vento delle mode, né un potente che sta nei palazzi del potere…egli è un profeta, anzi più che un profeta, è il nuovo Elia, cioè il profeta per antonomasia che annuncia la salvezza portata dal Signore Gesù.

Ecco la chiave per comprendere le parole conclusive di Gesù: “fra i nati da donna non è sorto alcuno più grande di Giovanni Battista, ma il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui”. Risiede qui tutto il suo significato e la sua grandezza.

Giovanni è grande, e tuttavia il piccolo nel regno di Dio è più grande di lui. Affermazione non facile, ma almeno una cosa è chiara: l’appartenenza al regno di Dio supera ogni altra grandezza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...